Bologna. Tifosi festeggiano la vittoria dello scudetto

Di: Fabiani, Ernesto
07/06/1964

“Fu una giornata favolosa. Avevo quasi vent’anni e a parte un paio di volte, che ero andato al mare, da Bologna non ero mai uscito. Ma l’avevo promesso. Se c’era lo spareggio sarei andato a Roma. Partimmo alle sette del mattino dalla stazione. C’erano due treni rossoblu pieni di gente e noi, dell’Ital Bar dell’Arcoveggio, c’eravamo tutti. C’erano anche Ernesto Fabiani, un fotografo dell’Ansa e Angelo Tonelli che quel giorno doveva far le foto per lo Studio Villani. Ci mettemmo tutta la mattina ad andare a Roma. Poi, arrivati là, andammo a piedi fino all’Olimpico che mi ricordo che ci saranno stati cinquanta gradi. Uno del nostro bar, Il dottor Bartolini, a febbraio, dopo una partita vittoriosa, aveva giurato che il Bologna lo sarebbe andato a vedere sempre con quel maglione che portava fortuna. Gli dovevamo buttare dell’acqua addosso poveretto, era tutto rosso. Un caldo tremendo e ci sedemmo sugli spalti sotto al sole ad aspettare che alle cinque iniziasse. Fu una lunga attesa, ma i romani tifavano tutti per noi, forse per via di Fulvio Bernardini che era di lì. Iniziò la partita, poi ci fu il primo gol. Un ruzzolino tirato da Fogli su punizione e da lì cominciammo a far festa per non so quanti giorni. Questa foto ce la fece Fabiani alla stazione di Bologna, quando arrivammo alle tre del mattino. Era già uscita l’edizione straordinaria e noi avevamo preso da portare al Bar le maglie di Nielsen, di Negri e quella di Fogli che qui non si vede. Io sono quello seduto per terra, con la maglietta grigia. A luglio partii militare.” Bruno Motta

Alcuni dati tecnici
Indicazioni di colore:BN
Materia e tecnica:gelatina bromuro d'argento/carta
Proprietà:
Bruno Motta
Inventario:C Bolo sc0006

Questa foto
fa parte di:

ALFABETO fotografico

Immagini correlate

Caricamento…